N/O Vega Uno    
  N/O Urania
  N/O Minerva Uno
  N/O Astrea
  N/O Vega Uno
   
  Urano, Vector Milit III
   
 
La nave Vega Uno è stata progettata e costruita direttamente dalla SO.PRO.MAR. S.p.A. nel 1991 per svolgere attività di ricerca ambientale e geofisica. L’inscrizione al Registro delle Navi Maggiori e le caratteristiche di velocità ed autonomia le permettono di operare nell’ambito costiero di tutto il Mediterraneo. In più di 10 anni ha svolto attività in numerosii ambiti operativi: indagini ambientali in Sardegna per la Provincia di Sassari; survey geofisici sugli approdi siciliani e tunisini del metanodotto della TMPC; campagne di ricerca ocanografica e geomorfologica per ICRAM e l’Università “La Sapienza” di Roma. Negli ultimi anni la nave ha operato principalmente al largo le coste laziali per un contratto di monitoraggio continuativo della qualità delle acque per conto della ARPA LAZIO. L’equipaggio è composto da personale marittimo esperto nella conduzione di mezzi da ricerca acquisita con imbarchi su tutte unità, minori e maggiori, di armamento SO.PRO.MAR. S.p.A.

Lunghezza F.T.
15.9 m
Length overall
Larghezza F.O.
5.1 m
Width overall
Immersione media
1.65 m
Draugth
Stazza lorda
27.5 t
Gross tonnage
Velocità
18 kn
Maximum speed
Classe
*100 A. 1.1. nav.s. st. nav.med.
Classification
Compartimento
Napoli
Port of registry
Matricola
Nave maggiore N.ro 1849
Official number

INFORMAZIONI GENERALI

La nave oceanografica Vega Uno, varata nel 1991 dal cantiere Stella Polare, è un’imbarcazione adatta a ricerche ambientali e geofisiche, per campagne di breve e media durata. L’utilizzazione del tender presente a bordo permette di poter operare fino alla battigia, mentre le dotazioni nautiche e di sicurezza garantiscono la piena operatività in mare aperto in ambito nazionale.
L’imbarcazione è dotata di due cabine singole e di due cabine doppie per ospitare i ricercatori e i membri dell’equipaggio con eccellenti dotazioni di comfort (aria condizionata, doppi servizi, locale cucina). La spaziosa coperta, equipaggiata di portale e doppio verricello, permette di svolgere le operazioni di messa a mare e di recupero degli strumenti oceanografici in condizioni ideali, mentre sul ponte principale è allestito un laboratorio per lo studio dei campioni prelevati. La precisione del posizionamento è garantita dall’utilizzo di GPS differenziale e strumentazione di ultima generazione.
L’imbarcazione è inoltre equipaggiata con celle frigorifere per la conservazione dei campioni.